La scelta delle dimensioni della vasca non dev’essere casuale.
Le possibilità di personalizzazione possono rendere qualunque piscina un’opera unica, plasmata sulle tue esigenze.
La decisione dovrebbe quindi essere la risposta a una chiara domanda: qual è l’uso che si intende fare della piscina?

Facciamo alcuni esempi:
– se l’obiettivo è l’allenamento, la vasca, oltre ad avere una forma rettilinea, dovrà raggiungere una lunghezza pari almeno a 12,5 metri (sottomultiplo delle distanze di gara) e una profondità non inferiore a 1,20 metri.
– se la piscina è uno spazio per il divertimento, forma e dimensioni potranno variare.
I tuffi, ad esempio, richiedono una profondità minima di 2 / 2,5 metri, se effettuati da bordo vasca, ma se si desidera saltare da un trampolino di 1 metro, allora serviranno almeno 3 metri d’acqua, più una buca per i tuffi in una parte circoscritta della vasca.
– una piscina incentrata sul benessere, invece, potrà essere dotata di confortevoli sedute o lettini con getti idromassaggio e/o cascate d’acqua, e sarà caratterizzata da una forma più libera.
– se le esigenze da accontentare sono varie si può poi optare per un mix: alla classica vasca per il nuoto puoi abbinare un’area tutta dedicata al relax con insenature tondeggianti, o una vasca di dimensioni più ridotte ma con il dispositivo di nuoto contro corrente, che ti permette di allenarti in dimensioni minori.

Se adesso, dopo aver letto gli articoli del Blog, avete le idee più chiare e se volete progettare e costruire una piscina, contattateci, i nostri tecnici sono a vostra disposizione per un sopralluogo e un preventivo su misura!

Share This: